Goliarda Sapienza – Ancestrale

Separare congiungere
spargere all’aria
racchiudere nel pugno
trattenere
fra le labbra il sapore
dividere
i secondi dai minuti
discernere nel cadere
della sera
questa sera da ieri
da domani.

***

E’ compiuto. E’ concluso. E’ terminato.
E’ consumato l’incendio. S’è fermato.
S’è chiuso il cerchio pietrificato.
Il tempo s’è fermato. E’ consumato
il delitto. S’è bruciato
il ricordo. L’ansia è cessata.
Una coltre di lava ha sigillato
ogni cranio ogni orbita svuotata.
Ogni bocca nel grido ha sigillato.

S’è chiuso il cerchio. Niente osa varcare
il silenzio di lava. Le formiche
girano intorno al rogo spento impazzite.

***

Ho camminato sul ciglio
dei miei sogni. Sbattuta
dall’onda nera delle tue occhiaie.
Risucchiata
dal gorgo del tuo fiato.
Non posso tornare.

Questa voce è stata pubblicata in Canzoniere. Contrassegna il permalink.

Rispondi