Chris Yan – Kinferoof (music for water and contact microphones)

Chris Yan è Christian Mastroianni. Lo dirò subito: un amico. Un amico vero, che ho conosciuto attraverso la musica di Luciano Cilio, stella polare delle nostre comuni ricerche sul silenzio su due diversi fronti. Per me la parola, per Chris la musica. Collaboriamo ormai da quasi due anni, reading su reading siamo arrivati a confezionare uno spettacolo tratto dal mio INDIA – complice il silenzio di cui potete leggere in lungo e in largo su questo blog. E di Chris avevo recensito in tempi ancora non sospetti il precedente disco Mnestereophonia su Impatto Sonoro. Nel tempo, e per mia fortuna, ho perso quelle credenziali di oggettività per valutare un disco di Chris. Soggettivamente, ritengo Chris uno dei migliori sperimentatori italiani e per questo me lo tengo ben stretto. Ieri carusopascoski ha parlato dei testi di Brian Eno, oggi restiamo in ambito ambient music e sperimentazione con questo studio sull’acqua di Chris, Kinferoof (music for water and contact microphones), osservazione dinamica del passaggio del ghiaccio attraverso i suoi diversi stadi fisici, effettuata attraverso dei microfoni ultrasensibili atti a registrare il rumore del ghiaccio nell’atto di sciogliersi e su cui Chris ha innestato le sue intuizioni minimali, che dilatano, variano e mettono a fuoco il processo fisico in atto. Di seguito, trovate la presentazione del progetto nelle parole di Chris e il video integrale del suo studio, al termine la biografia artistica e il teaser della sua collaborazione con la poeta e attrice Isabella Bordoni per Fortuna.


Kinferoof
è una Composizione/Performance dettata dalla pura improvvisazione.

Spinta dal naturale processo creativo ,con un occhio di riguardo alla ricerca sonora,
nasce come per gioco da una delle mie sessioni di Field Recording.

In questi ultimi mesi sto ampliando quotidianamente il mio archivio sonoro personale, concentrandomi sullo studio e il rapporto tra materia/suono .

Nella sessione riprese del 5 Febbraio 2015, l’obbiettivo mirava alla registrazione-test di
nuovo materiale tecnico (in questo caso specifico un microfono idrofono) e in riposta come
studio all’ acqua e i suoi processi.
In questa giornata ho tentato il processo di scongelamento,appoggiando il microfono idrofono alla base di un recipiente
di vetro e coprirlo in seguito con cubetti di ghiaccio in modo da registrarne poi il processo di ritorno allo stato liquido.

Per ampliare la gamma di frequenze e risposta al suono in questione,ho aggiungo al set due microfoni a contatto
posizionati sotto al contenitore di vetro ,in modo da captare il risuonare dello ghiaccio che si scioglie nello spazio del recipiente.
Alle maniglie invece,per lo stesso motivo, ho applicato due Mogees (anche questi microfoni a contatto) ma il segnale viene
direttamente processato da un software su smartphone.
Infine intervenivo in questo processo muovendo e cambiando posizioni ai vari cubetti,sia ‘risuonando’ percussivamente
i bordi del contenitore; sia versando a tempi e cadenze diverse dell’acqua da una brocca o da un contagocce.

La traccia ha la durata di circa 70/80 minuti e si muove in tre grandi movimenti:
a) prèl
b) iebsi
c) urat

Tutti i suoni verranno poi convertiti e trattati attraverso software di editing musicale.

Christian Mastroianni è musicista e compositore polistrumentista.
Nato a Tivoli nel 1987 si forma musicalmente come bassista e contrabbassista,
interessato a diversi generi e presente in varie formazioni musicali ,collaborando
con numerosi progetti ed artisti. Approda negli anni più recenti all’elettronica
e alla ricerca sonora.
Nel 2009 firma come CHRIS YAN, “Urban Mantra” suo primo concept album solista
in co-produzione con Roberto Zoli.
La pubblicazione dà il via a collaborazioni che lo vedono coinvolto in reading, performance, cortometraggi, colonne sonore.
È del 2012 “Mnesterophonìa”, il suo secondo concept album a cui fa seguito un interesse crescente nella sperimentazione sonora.
Muovendo la propria ricerca su ampio raggio, è interessato a sviluppare i rapporti trarumore/suono/parola, composizioni electro/ambient, musiche per immagini.
Cambia così ,il proprio approccio sensoriale e materiale tecnico con cui lavorare sia in studio sia nelle esibizioni live.
Dal vivo è accompagnato e gestisce ; laptop,controllers MIDI, iPad, synths , iPhone e altri apparati tecnologici in comunicazione fra loro. 

Nel 2011, sulla scorta di un comune amore per gli scritti di John Berger, inizia la collaborazione con Isabella Bordoni e firmano nel 2012 il loro primo live con la sigla

IB-CM|50/25 in omaggio all’età e al tempo.
Poesia e musica, parola, spazio, ambientazioni acustiche sono il tracciato lungo il quale si articola la loro collaborazione che nel 2013 vede la realizzazione di
“FORTUNA|Abitare l’infanzia”, creazione radiofonica su testo e voce di Isabella, di cui un estratto è andato in onda su Rai Radiotre nel programma “Battiti” e di cui
ORF-Kunstradio trasmette nell’inverno 2014/15 la versione che integra alla voce italiana, voci femminili in tedesco. 

Il 3 Settembre 2014  esce in 150  copie numerate ,stampate ,piegate a mano
“live at FACK MSUV” registrazione del SOLO set durante l’esperienza “FACK MSUV “’;
Eseguito il 5 Luglio presso il Museo d’Arte Contemporanea di Vojvodina (MSUV) – Novi Sad(Serbia).

Attualmente, oltre che esibirsi in SOLO, è impegnato nello studio ed ampliamento della propria ricerca sonora e nella sonorizazzione di filmati,performance,spettacoli.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Zero. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...