William Stratton – Gray Lodge Wisdom

Un omaggio personale al meglio del fingerpicking. Grazie a Dio, alla Madonna e a Nick Drake per questo disco delicatissimo (“Now we rise/We’re everywhere” cantava Nick 40 anni fa) che si apre con afflato alla Neil Young e si chiude alla Bert Jansch, passando per John Fahey e ospitando Tiny Ruins, altro gran disco folk 2014.

* Articolo pubblicato su i.OVO – http://www.iovo.it/2014/06/william-stratton-gray-lodge-wisdom/

 

Questa voce è stata pubblicata in Musica. Contrassegna il permalink.

Rispondi