2013 – Top 100 album e canzoni internazionali dell’anno

L’avevo promesso, e di solito quando prometto non mantengo mai. Invece.
La realtà dei fatti è che la scusa di “dover” compilare una lista del meglio della musica nazionale (leggi qui) e internazionale uscita in questo 2013 è stata l’occasione giusta per bombardarmi di dischi più del solito. Di conseguenza nella mia top 5 delle giornate più belle dell’anno posso inserirne una a caso tra le diverse che ho passato ascoltando esclusivamente musica dalla mattina alla sera, voi capite cosa intendo.
Come per la lista delle 50 migliori canzoni e dischi italiani dell’anno, indi per cui nella seguente ho escluso intenzionalmente queste ultime, (leggi qui…l’avevo già scritto? Ops, ma tant’è: finchè non mi pagano per scrivere qui si fa come dico io, cioè a caso) anche la lista che segue, estesa fino a 100 canzoni e dischi (Vi si impalla il computer nel caricarle? Sono troppe? La risposta è: faccio come mi pare finchè non mi pagate, gnegnegne), è scevra da qualsiasi ordine gerarchico che lascio a chi può buttare via intere serate a discernere se al numero 47 sia più opportuno inserire questo o quello, come se gliene fregasse a qualcuno se non allo psicologo che un giorno curerà la vostra nevrosi compulsiva (se sarò io potrete pagarmi in dischi e vinili, a ciascuno la sua deontologia professionale). Chiaro poi come ci siano altri 100 album che a seconda dell’umore o del beneficio di godere di giornate di 72 ore potevano essere inclusi qua dentro. Non si può ascoltare bene tutto, ho cercato di ascoltare bene il meglio e garantisco personalmente su tutto ciò che è qua dentro, meno su quello che sta fuori (no, non mi riferisco agli Arcade Fire o ai Vampire Weekend, i cui dischi fanno semplicemente cacare, nè ai Daft Punk, da cui mi aspettavo ben altro, qualcosa tipo il remix di Nicolas Jaar). Per quel che manca potete leggere voi stessi le classifiche di magazine come The Quietus, altro che Pitchfork, oppure blog indipendenti come quello di Stanze Soniche che ha fatto un resoconto annuale pazzesco (leggi qui) che comprende anche la maggior parte dei dischi che avreivolutosentireMA o che sarebbero potuti entrare in lista se solo oggi non ci fosse stato il sole. In generale vale il consiglio di prima: potete fidarvi di tutto cìò in cui alle prime tre posizioni non compaiono uno tra Arcade Fire/Vampire Weekend, Daft Punk e Kanye West. Se ne trovate uno solo magari potete provarci comunque, se ne trovate due su tre scappate a gambe levate, se trovate l’en plein tirate sul pianista, e a far male.
Altra similitudine con la precedente classifica (leggi qui, e tre), è l’incredibile abbondanza che la popola. Sia ben chiaro, il 2013 non è stato un anno di album seminali
come il 2011 per la musica che verrà in futuro, ma forse è la diretta emanazione più significativa di quell’anno di nuovi spunti, suoni e combinazioni tra generi dei decenni precedenti, perchè sempre lì siamo: a differenza del decennio piuttosto piatto degli anni zero (rispetto agli illustri precedenti), gli anni ’10 sono partiti con tutt’altro ritmo di produzioni di qualità, e secondo chi scrive ed altri il merito è nel fatto che sta oggi cominciando a suonare la prima generazione che ha goduto dell’immenso archivio di musiche e suoni disponibile online, la prima che ha quindi potuto ascoltatare un po’ di tutto e che si è costruita nel migliore dei casi un proprio gusto estetico autentico e autonomo e non uno sulla base della radio, rivista, critico musicale di turno come avveniva giocoforza in passato.
Ma bando alle ciance, visto che ci sono giorni e tonnellate di musica che vi aspettano, e visto poi che altre ciance le scriverà per carusopascoski Francesco Tognozzi, amico musicante di lunga data, con cui condivido ascolti, visioni, interismo e vizi quotidiani e non: lui, ancora fuori pericolo rispetto alla nevrosi da classifica annuale, ha stilato una top 50 coi controcazzi, scrivendo per ogni disco una minirecensione. Un lavoro di tale pregio e così complementare al mio, e soprattutto a buon rendere, è naturalmente il benvenuto su questo blog e lo potrete leggere nei prossimi giorni a puntate di dieci dischi per volta.
Buon anno nuovo dunque, e se tutto questo vi sembra troppo probabilmente lo è, quindi potreste sdebitarvi regalandomi il vinile ristampato di
I Am The Center: Private Issue New Age Music In America 1950-1990 o pagandomi il prossimo viaggio.

PLAYLIST TOP 100 SU YOUTUBE

***

Föllakzoid – Föllakzoid II

Forest Swords – Engravings

Milk Music – Cruise Your Illusion

Pinkunoizu – The Drop

Factory Floor – Factory Floor

L.Pierre – The Island Come True

Dirty Beaches – Drifters/ Love Is The Devil

Plantman – Whispering Trees

Unknown Mortal Orchestra – II

Lily & Madeleine – Lily & Madeleine

Josephine Foster – I’m a Dreamer

Parquet Courts – Light Up Gold

Matthew E. Berry – Big Inner

Steven Wilson – The Raven That Refused To Sing

 Mark Kozelek & Desertshore – Mark Kozelek & Desertshore

Pure X – Crawling Up The Stairs

Fuck Bottoms – Slow Focus

Savages – Silence Yourself

Mutual Benefit – Love’s Crushing Diamond

Jon Hopkins – Immunity

James Holden – The Inheritors

The Field – The Field

Rhye – Woman

Mount Kimbie – Cold Spring Fault Less Youth

Beaches – She Beats

Darkside – Psychic

Thao And Get Down Stay Down – We The Common

Nick Cave And The Bad Seeds – Push The Sky Away

Jacco Gardner – Cabinet Of Curiosities

King Khan & The Shrines – Idle No More

Blue Hawaii – Untogheter

Kinski – Cosy Moments

Connan Mockasin – Caramel

Chelsea Wolfe – Pain Is Beauty

Thee Oh Sees – Floating Coffin

Darkstar – News For Nowhere

Deerhunter – Monomania

Gold Panda – Half Of Where You Live

Grouper – The Man Who Died In His Boat

Comanechi – You Owe Me Nothing But Love

Primal Scream – More Light

Ty Segall – Sleeper

Fire! Orchestra – Exit!

Agnes Obel – Aventine

These New Puritans – Field of Reeds

Dan Friel – Total Folklore

Melt Yourself Down – Melt Yourself Down

Laura Marling – Once I Was an Eagle

Jonathan Wilson – Dear Friend

Oneohtrix Point Never – R Plus Seven

Grumbling Fur – Glynnaestra

A Hawk And A Hacksaw – You Have Already Gone To The Other World

Boards Of Canada – Tomorrow’s Harvest

King Krule – 6 Feet Beneath The Moon

James Blake – Overgrown

She & Him – Vol.3

Matana Roberts – Coin Coin Chapter Two: Mississippi Moonchile

Endless Boogie – Long Island

Matmos – The Marriage Of True Minds

Paul McCarteney – New

Fat White Family – Champagne Holocaust

Tim Hecker – Virgins

Colin Stetson – New History Warfare Vol 3: To See More Light

Daughn Gibson – Me Moan

Foals – Holy Fire

Tamikrest – Chatma

Gambles – Trust

Gary Numan – Splinter

Holydrug Couple – Noctuary

Psychic Ills – One Track Mind

Superchunk – I Hate Music

Phosphorescent – Muchacho

Jagwar Ma – What Love

Suuns – Images Du Futur

Foxygen – We Are The 21st Century Ambassadors Of Peace & Magic

Hookworms – Pearl Mystic

Wampire – Curiosity

My Bloody Valentine – m b v

Matt Elliott – Only Myocardial Infarction Can Break Your Heart

Neko Case – The Worse Things Get…

Roy Harper – Man And Myth

The Stepkids – Sweet Salvation

David Bowie – The Next Day

The Haxan Cloak – Excavation

Flaming Lips – The Terror

Bill Callahan – Dream River

The Knife – Shaking The Habitual

Gesaffelstein – Aleph

Sigur Ros – Kveikur

Jenny Hval – Innocence Is Kinky

Speedy Ortiz – Major Arcana

Iron & Wine – Ghost On Ghost

Zomby – With Love

Sons Of Kemet – Burn

Youth Lagoon – Wondrous Bughouse

Julia Holter – Loud City Song

Jackson Scott – Melbourne

Toy – Join The Dots

Baths – Obsidian

Kurt Vile – Wakin On A Pretty Daze

White Hills – So You Are So You’ll Be

Disappears – Era

Juana Molina – Wed 21

Girl Names – The New Life

Ducktails – The Flower Lane

***

ALTRI 100 DISCHI CHE AVREI POTUTO INSERIRE DISPONENDO DI 72 ORE AL GIORNO O CON DIFFERENTI CONDIZIONI CLIMATICHE O CHE L’ESCLUDERE DEL TUTTO MI FA SENTIRE UN PO’ IN COLPA:

Esben And The Witch – Wash The Sins Not Only The Face
Lust For Youth – Perfect View
Pure Bathing Culture – Moon Tides
Emptyset – Recur
Julianna Barwick – Nepenthe
Eluvium – Nightmare ending
No Joy – Wait To Pleasure
Richard Thompson – Electric
Linda Thompson – Wont Be Long Now
Glenn Jones – My Garden State
Black Angels – Indigo Meadow
Rokia Traorè – Beautiful Africa
Bassekou Kouyatè and Ngoni Ba – Jama Ko
Molly Drake – Molly Drake
Deafheaven – Sunbather
Moderat – Moderat II
Earl Sweatshirt – Doris
Midlake – Antiphon
David Lynch – The Big Dream
I Am Kloot – Let It All It
Mazzy Star – Seasons Of Your Day
The Icarus Line  – Slave Vows
Iceage – You’re Nothing
Samsara Blues Experiment – Waiting For The Flood
Teeth Of Sea – Master
Local Natives – Hummingbird
Majical Cloudz – Impersonator
Solar Bears – Supermigration
Ed Askew – For The World
James Blackshaw & Lubomyr Melnyk – The Watchers
Eels – New Alphabet
Vàli – Skogslandskap
Prefab Sprout – Crimson Red
San Fermin – San Fermin
Trentemøller – Lost
Camera Obscura – Desire Lines
Bvub & Loscil – Erebus
Suede – Bloodsports
Black Hearted Brothers – Stars Are Our Home
Rainbow Arabia – FM Sushi
Blouse – Imperium
Portugal, The Man – Evil Friends
Logos – Cold Mission
William Basinski – Nocturnes
Au Revoir Simone  – Move In Spectrum
Lightning Dust – Fantasy
Dead Meadow – Warble Womb
Tal National – Kaani
Keaton Henson – Birthdays
The Horrorist, Fire Funmania
The Focus Group – Elektrik Karouse
Bombino – Nomad
Eleanor Friedberger – Personal Record
Elephant Stone – Elephant Stone
Splashh – Comfort
Crystal Stilts – Nature Noir
Fuzz – Fuzz
Akkord – Akkord
ÄÄNIPÄÄ – Through A Pre-Memory
Disappears – Era
Nine Inch Nails – Hesitation Marks
Polvo – Siberia
Torres – Torres
Bibio – Silver Wilkinson
Mona & Maria – My Sun
Valerie June – Pushing Against A Stone
Low – The Invisible Way
Wire – Changes Becomes Us
Four Tet – Beautiful Rewind
John Foxx And The Maths – Evidence
Daniel Avery – Drone Logic
Pastels – Slow Summits
Blondes – Swisher
Elf Power – Sunlight On The Moon
Solar Bears – Supermigration
Daughter – If You Leave
High Highs – Open Season
Applescal – Dreaming In Key
Dick Diver – Calendar Days
Spectrals – Sob Story
Ex Cop – True Allucinations
Laish – Obituaries
Lisa Germano – No Elephant
Pharmakon – Abandon
Neon Neon – Praxis Makes Perfect
Alela Diane – About Farewell
Vàli – Skogslandskap
Prefab Sprout – Crimson Red
Steve Mason – Monkey Minds In The Devil’s Time
San Fermin – San Fermin
Trentemøller – Lost
Camera Obscura – Desire Lines
Bvub & Loscil – Erebus
Suede – Bloodsports
Ducth Uncles – Out Of Touch, In The Wild

Questa voce è stata pubblicata in Musica. Contrassegna il permalink.

Una risposta a 2013 – Top 100 album e canzoni internazionali dell’anno

  1. Pingback: 2013 – 50 dischi scelti e raccontati da Francesco Tognozzi (50-41) | c a r u s o p a s c o s k i

Rispondi