Elogio di Mick Farren

Leggo che è morto Mick Farren, leader dei Deviants (underground anni ’60, il punk inizia anche qui e blablabla), agitatore culturale, sociale, politico e molto altro ancora. Ed è morto sul palco e questo rende se possibile la sua vita ancora più incredibile.
Voglio ricordar(me)lo così: a 18 anni, in piena esplosione musicale dentro la mia testa, giravo con “PTOOF!” (il loro primo devastante disco) in macchina e a tutto volume. Questo, in un paese in cui al massimo inseguivo il sogno del suicidio e in cui avrei voluto far saltare un migliaio di teste in un amen, compensava il non poterlo fare facendomi sentire comunque un terrorista.
Certi dischi fanno veramente bene, fosse per il solo fatto di risparmiarti anni di galera.

Questa voce è stata pubblicata in Musica. Contrassegna il permalink.

Rispondi