Sandro Penna e l'”alternativismo”

“Felice chi è diverso
essendo egli diverso.
Ma guai a chi è diverso
essendo egli comune”

Sandro Penna distrugge così in quattro versi tutto questo “alternativismo” di plastica in ogni campo dell’arte e della vita. E poi dicono che la poesia è inutile.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Lapidario. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...