Richard Wright – Reaching For The Rail

“Broken China” (1996) è un album di Richard Wright, tastierista dei Pink Floyd, con la partecipazione di Sinead O’Connor e le chitarre di Dominic Miller. Inspiegabilmente trascurato per la qualità delle musiche, è un disco intimo, elegante, riservato come il profilo che Wright ha tenuto per tutta la vita, da signore della musica e anima morbida non meno dei tappeti sonori che scriveva per le incursioni dei più celebri Gilmour & Waters.
In “Broken China” si racconta la battaglia ingaggiata dalla moglie Millie contro la propria spirale depressiva. Se il rosa dei Floyd era in particolare suo, in questo disco emerge con tutta la sua tensione tanto romantica e onirica tanto cupa e straniante.
Merita la vostra attenzione, a partire da questa canzone.

Questa voce è stata pubblicata in Zero. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Richard Wright – Reaching For The Rail

  1. nino scrive:

    Si è sempre detto che i pink erano david e roger: per me è sempre stato rik (sono del 1959 e nel 1973 avevo 14 anni quando ascoltai in vinile THE GREAT IN ….(TDSOTM): RIMASI PIETRIFICATO DAL SUO SOUND………..SENZA RIK NON AVREBBE VSTO LUCE WISH YOU O ANIMALS ………..PER QUESTO(ANCHE SE AMO ROGER PER GLI INSEGNAMENTI DEI TESTI) ROGER PRIMA DEL TOUR di the wall LO Cacciò via: lo vedeva come un meraviglioso muro……………….

Rispondi