Fabrizio De Andrè – La Domenica Delle Salme

Scritta pochissimo tempo dopo la caduta del muro di Berlino, “La Domenica delle Salme” parla della grande normalizzazione, o come la chiama De Andrè, la “pace terrificante” in nome di cui si consacra il suo opposto, la guerra: quel processodi cui la Caduta del Muro di Berlino è il simbolo e che ha portato all’affermazione incontrastata del pensiero unico capitalista occidentale, di cui oggi cominciamo a sentire i primi tragici effetti.
Oltre al fenomento fisico della caduta di un muro, non c’è niente da esultare e quelli che adesso si credono liberi sono i futuri schiavi dell’Ovest. Il fatto che De Andrè abbia previsto tutto questo con vent’anni di anticipo è l’ennesima dimostrazione che i grandi poeti spesso comprendono i segni della realtà prima e più lucidamente di economisti e psicologi.

Questa voce è stata pubblicata in Musica. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Fabrizio De Andrè – La Domenica Delle Salme

  1. Silvio scrive:

    Eh sì. Anche Gaber non scherzava…
    Dici bene: gli artisti, a volte, percepiscono le tendenze della società con largo anticipo: in realtà basta guardare senza filtri ideologici.

Rispondi