Dal “mondo come volontà e rappresentazione” al mondo come pigrizia e telegiornale

Servivano le Pussy Riot per capire che la Russia è un regime? Confrontiamo i giudizi dei media su due pari ruolo: Putin cattivo dittatore che vuole fare rispettare le leggi del suo paese; Brown bravo primo ministro che vuole fare rispettare le leggi del suo paese. L’importante è non parlare di Julian Assange e spostare l’indignazione su un target condivisibile ma gonfiato ad arte dai media per riempire la ciotola dell’indignazione. Lo zapping dell’indignazione oggi prevede un gruppo di becere incarcerato ingiustamente in Russia. Agli appassionati di censura e diritti umani consiglierei però la protesta dei minatori soffocata nel sangue in Sud Africa anche se capisco che non è di moda.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Lapidario. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Dal “mondo come volontà e rappresentazione” al mondo come pigrizia e telegiornale

  1. KONSEQUENZ ha detto:

    Bello

    Inviato con iPhone

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...