Gianna Pinotti – Visitazione al Tempio

Sezionano nel corpo:
è la speranza di
trovare un senso
del tuo
risorto intero.
Ma cosa è vero,
quale morta congiunzione
dei pianeti amanti
sopra assonanze mere
cere grondanti
di diamanti?

Chi sa che prematuro
inverno verrà a scempio
di menti ed oltre il lor
chiosato Tempio?

Servit al tradimento
del tuo verso.
Il sentimento
avverso è vento
contro ardimento
sono il tuo centro
di fatiche:
lauri venture impronte.
Ortiche.

Assurdo vestimento!
E’ la vendetta per
quel terso lento mondo.
(nutrimento e intreccio
dei frammenti di fondo)

Sezionano per l’ansia
Che li vince in terra.
La punta del diamante
ha stinto già la guerra
in un eterno ingegno.

Il suo coraggio sferza
resta la forza del segno,
all’amarezza, e regna
nella mia mente
nel tempio antico.
Al puro insegna.

Imparo che
disperso in tracce
il tempo è inverso:
tu lì non bevi.
Per gli affollati lidi
dal terzo cielo
gridi.

Questa voce è stata pubblicata in Canzoniere. Contrassegna il permalink.

Rispondi