Morire per costruire una festa: crolla il palco dei Radiohead

Toronto, crolla il palco dei Radiohead, con l’ennesimo morto dei grandi eventi in musica e tre feriti. Chissà perchè ai piccoli festival con gruppi fuori dal music business queste cose non accadono mai e invece con i grandi eventi accadono sempre più spesso.
Non partecipare alla data fiorentina di questo tour dei Radiohead mi da una sensazione naturale di sollievo, perchè credo che ci sia della superficialità in chi ha le tasche piene di sterline quando succedono queste cose, quando si preparano eventi che prima che concerti sono feste delle emozioni. In ogni caso ormai il Roger Waters di “The Wall” nei confronti del music business sta assumendo il carattere profetico che ha il George Orwell di “1984” nei confronti della società odierna. Anzi, forse è ancora più tristemente esatto.

Questa voce è stata pubblicata in Lapidario. Contrassegna il permalink.

Rispondi