Napolitano, il Presidente “abbassatoni”

Napolitano ai microfoni sulle polemiche in corso tra il Ministro Fornero e i sindacati: “Abbassare i toni sull’articolo 18”.
Parole non nuove, inviti prevedibili, da parte di colui che si meritò la menzione di “il mio comunista preferito” per bocca di Kissinger, un tipino abituato ad abbassare i toni altrui appoggiando colpi di stato e dittature militari ad ogni latitudine, e che in Italia ha bypassato l’ultima tragica stagione del berlusconesimo attraverso un lassismo politico inaudito, per il ruolo ricoperto e lo “sfascismo” in atto, specie se messo a confronto con la fermezza del suo pur discutibile predecessore.
Il video sottostante aiuta a capire la differenza tra l’uomo e il Presidente Napolitano, che a sentire il Gruppo Espresso sembrerebbe poter ambire al Nobel per la Pace o chissà per cosa. Se non bastasse, ci sarà utile consultare  di nuovo la  sua storia politica, oppositore interno al PCI di Berlinguer e acceso sostenitore della vile repressione dei moti ungheresi del 1956 da parte dell’Armata rossa, quando tra qualche settimana proverà a spegnere l’incendio per l’abrogazione prossima dell’articolo 18, ormai il prossimo condannato a morte tra i residui diritti che distinguono semanticamente il lavoro dalla schiavitù, con nuovo e sfibrante monito sulla pericolosità dell’infernale clima politico italiano, parlandone sempre in terza persona, come se lui non c’entrasse mai niente.
Vogliamo ricordarlo così, in epoca di tagli economici e di diritti macerati sull’altare della responsabilità verso la crisi, in attesa del prossimo imperdibile monito con toni da omelia domenicale.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in La finestra sul cortile. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...