Andrea Zanzotto – Notificazione di presenza sui Colli Euganei

“Se la fede, la calma d’uno sguardo
come un nimbo, se spazi di serene
ore domando, mentre qui m’attardo
sul crinale che i passi miei sostiene,

se deprecando vado le catene
e il sortilegio annoso e il filtro e il dardo
onde per entro le piú occulte vene
in opposti tormenti agghiaccio et ardo,

i vostri intimi fuochi e l’acque folli
di fervori e di geli avviso, o colli
in sí gran parte specchi a me conformi.

Ah, domata qual voi l’agra natura,
pari alla vostra il ciel mi dia ventura
e in armonie pur io possa compormi”

Buon viaggio da un tuo lettore, e che tu possa ora comporti in armonie.

Questa voce è stata pubblicata in Letteratura. Contrassegna il permalink.

Rispondi